Perché sosteniamo il progetto.

01web

 

Il “Centro Storico” rappresenta per Anagni, come per ogni altra città storica, al contempo un vanto ed un onere.

L’area più antica della città, e gli edifici appartenenti a quello che ne era il nucleo originario, sono i tratti distintivi della nostra città, vanno conservati e rivalutati.

Avvertiamo, però, la necessità di andare oltre gli edifici illustri, le opere d’arte, le preziose eredità del passato, sviluppando il concetto di recupero della “storicità” della nostra città, volendovi includere i valori culturali propri di Anagni, valori che non possono certo essere circoscritti solo ad una determinata zona.

Non più solo tutela e valorizzazione delle opere antropiche, dunque, ma recupero dell’insieme del costrutto storico, superando gli stessi confini della città del passato e recuperandone, nel contempo, i connotati morfologici e architettonici.

La sfida di chi amministra una città storica come la nostra è quella di farla vivere (o Ri-vivere) senza ridurla a “cartolina”, o a scenografia per turisti, coniugando la tutela dei luoghi con la necessità di costruire spazi dove si possa risiedere in maniera armoniosa, soddisfacendo desideri e bisogni.
02web

Nel progetto del “Parco della Antica Via degli Orti”, abbiamo riscontrato una risposta a queste esigenze:

  • è uno spazio urbano,
  • è vasto ( circa 1/10 dell’estensione dell’intero centro storico),
  • è facilmente raggiungibile e fruibile da tutti,
  • è il cuore verde della città.

 04web

Innumerevoli gli utilizzi sostenibili che sono proponibili per quest’area. Proviamo a suggerirne un paio, in linea con le idee della Legambiente.

 

  1. Gli orti urbani

Sono una risposta concreta a più esigenze della comunità urbana e dell’ambiente, riappropriandosi di luoghi altrimenti inutilizzati o abbandonati:

  • Permettono di investire positivamente il proprio tempo libero.
  • Aumentano le relazioni con le persone che abitano il quartiere.
  • Favoriscono lo scambio di conoscenze.
  • Rispondono al desiderio di sapere cosa si mangia.
  • Sono un freno al dilagare della cementificazione.
  • Favoriscono il recupero della biodiversità.

 

Negli orti urbani si coltiva la bellezza dei luoghi e quella dei gesti. Buone pratiche, nuove idee, antichi saperi si fondono in nome della sostenibilità, della coesione sociale e di una migliore qualità della vita per tutti.

 

  1. La Scuola nel Bosco

Prati, boschi e ruscelli al posto dell’aula, la regole della natura a fare da maestre, sassi, pigne, foglie e pezzetti di legno invece dei giocattoli preconfezionati e dei libri, per stimolare le facoltà immaginative dei bimbi e modellare la realtà costruendola e inventandola a loro piacimento. È il modello educativo dell’asilo nido nel bosco, un progetto nato in Danimarca negli anni ’50 e adottato successivamente da molti altri paesi d’Europa.

Abbiamo già presentato il circolo “Parco della Cellulosa” di Roma in occasione dell‘inaugurazione del nostro circolo e siamo convinti della grande opportunità che si potrebbe offrire ai bambini di Anagni con una esperienza simile.

03web


 

Il convegno del 19 settembre ad Anagni ha suscitato grande interesse: leggi qui l’articolo di anagnia.com.

via degli orti


Immagini : Daniele Bigliardo


 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.